L'eccellenza: pratica o talento naturale?